Pure Data: Musica Elettronica e Sound Design

 42.00

Teoria e Pratica – Volume I

Francesco Bianchi, Alessandro Cipriani, Maurizio Giri

Pure Data: Musica Elettronica e Sound Design

Teoria e Pratica – Volume I
versione italiana – PRIMA EDIZIONE

  • ISBN-13: 978-88992120-5-6
  • Paperback: 516 pagine + espansione online
  • Data di pubblicazione: 10/10/2016

Scarica una versione demo del libro in formato .pdf

Più di 500 pagine, esempi interattivi, centinaia di patch, supporti online, glossari di teoria e di termini riguardanti la programmazione con Pure Data, test, attività di reverse engineering, di completamento, correzione e analisi di algoritmi, sostituzione di parti di algoritmi, etc.
Si tratta di un sistema didattico organico in più volumi e una parte online che sviluppa una concezione aperta e interattiva dell’insegnamento e dell’apprendimento della musica elettronica e del sound design. Ogni capitolo è preceduto da un contratto formativo che specifica tempi, obiettivi, contenuti, attivita’, verifiche e sussidi didattici.
Ad ogni capitolo di teoria corrisponde un capitolo di pratica con Pure Data: in questo modo lo studente acquisisce conoscenze, abilità e competenze teorico-pratiche in modo integrato. Il primo volume contiene quattro capitoli di pratica e quattro di teoria, più due capitoli di approfondimento della programmazione Pd, denominati Interludi.
La sezione online contiene esempi interattivi, patch di Pure Data complete ed esercizi, oltre a una libreria di abstraction che estende il linguaggio Pure Data con centinaia di oggetti. Sono presenti inoltre schede on line di Storia delle Sintesi curate da Giuseppe Rapisarda ed altri autori.
Il primo volume può essere utilizzato da utenti di diverso livello di preparazione, ma è possibile studiarlo anche conoscendo solo i primi rudimenti di teoria musicale (note, scale, accordi etc.) e avendo una competenza di base nell’utilizzo di un computer (saper salvare un file, copiarlo, cancellarlo etc.) E’ ideale quindi per chi inizia da zero, ma utilissimo anche per chi voglia approfondire la propria conoscenza di Pure Data.

INDICE

Introduzione e dedica

Capitolo 1T – TEORIA
INTRODUZIONE ALLA SINTESI DEL SUONO
CONTRATTO FORMATIVO

1.1 Sintesi ed elaborazione del suono
1.2 Frequenza, ampiezza e forma d’onda
1.3 Variazioni di frequenza e ampiezza nel tempo: inviluppi e glissandi
1.4 Rapporto tra frequenza e intervallo musicale
1.5 Cenni sulla gestione dei suoni campionati
1.6 Cenni sul panning
Concetti di base, Glossario

Capitolo 1P – PRATICA
SINTESI DEL SUONO CON PD
CONTRATTO FORMATIVO

1.1 Introduzione e primi passi con Pd
1.2 Frequenza, ampiezza e forma d’onda
1.3 Variazioni di frequenza e ampiezza nel tempo: inviluppi e glissandi
1.4 Rapporto tra frequenza e intervallo musicale
1.5 Cenni sulla gestione dei suoni campionati
1.6 Cenni sul panning
1.7 Altre caratteristiche di Pd
Lista comandi principali, Lista oggetti nativi Pd, Lista oggetti della libreria Virtual Sound, Lista messaggi per oggetti specifici, Glossario

Interludio A – PRATICA
PROGRAMMAZIONE CON PD
CONTRATTO FORMATIVO

IA.1 Operatori binari e ordine delle operazioni
IA.2 Generazione di numeri casuali
IA.3 Gestione del tempo: metro
IA.4 Subpatch e abstraction
IA.5 Altri generatori random
IA.6 Liste
IA.7 Il message box e gli argomenti variabili
IA.8 Collegamenti senza fili
IA.9 Array
Lista oggetti nativi Pd, Lista oggetti della libreria Virtual Sound, Lista messaggi per oggetti specifici, Glossario

Capitolo 2T – TEORIA
SINTESI ADDITIVA E SINTESI VETTORIALE
CONTRATTO FORMATIVO

2.1 Sintesi additiva a spettro fisso
2.2 Battimenti
2.3 Dissolvenza incrociata di tabelle: sintesi vettoriale
2.4 Sintesi additiva a spettro variabile
Concetti di base, Glossario, Discografia

Capitolo 2P – PRATICA
SINTESI ADDITIVA E SINTESI VETTORIALE
CONTRATTO FORMATIVO

2.1 Sintesi additiva a spettro fisso
2.2 Battimenti
2.3 Dissolvenza incrociata di tabelle: sintesi vettoriale
2.4 Sintesi additiva a spettro variabile
Lista oggetti nativi Pd, Lista oggetti della libreria Virtual Sound, Lista messaggi per oggetti specifici, Glossario

Capitolo 3T – TEORIA
GENERATORI DI RUMORE, FILTRI E SINTESI SOTTRATTIVA
CONTRATTO FORMATIVO

3.1 Sorgenti per la sintesi sottrattiva
3.2 Filtri passa-basso, passa-alto, passa-banda ed elimina-banda
3.3 Il fattore Q o fattore di risonanza
3.4 Gli ordini dei filtri e collegamento in serie
3.5 La sintesi sottrattiva
3.6 L’equazione dei filtri digitali
3.7 Filtri collegati in parallelo ed equalizzatori grafici
3.8 Altre applicazioni del collegamento in serie: equalizzatori parametrici e filtri shelving
3.9 Altre sorgenti per la sintesi sottrattiva: impulsi e corpi risonanti
Concetti di base, Glossario, Discografia

Capitolo 3P – PRATICA
GENERATORI DI RUMORE, FILTRI E SINTESI SOTTRATTIVA
CONTRATTO FORMATIVO

3.1 Sorgenti per la sintesi sottrattiva
3.2 Filtri passa-basso, passa-alto, passa-banda ed elimina-banda
3.3 Il fattore Q o fattore di risonanza
3.4 Gli ordini dei filtri e collegamento in serie
3.5 La sintesi sottrattiva
3.6 L’equazione dei filtri digitali
3.7 Filtri collegati in parallelo ed equalizzatori grafici
3.8 Altre applicazioni del collegamento in serie: equalizzatori parametrici e filtri shelving
3.9 Altre sorgenti per la sintesi sottrattiva: impulsi e corpi risonanti
Lista oggetti nativi Pd, Lista oggetti della libreria Virtual Sound, Lista messaggi per oggetti specifici, Glossario

INTERLUDIO B – PRATICA
ALTRI ELEMENTI DI PROGRAMMAZIONE CON PURE DATA
CONTRATTO FORMATIVO

IB.1 Cenni sul MIDI
IB.2 L’operatore modulo e la ricorsione
IB.3 Smistare segnali e messaggi
IB.4 Gli operatori relazionali e l’oggetto select
IB.5 L’oggetto moses
IB.6 Scomporre una lista, l’oggetto iter
IB.7 Loop di dati
IB.8 Generare una lista random
IB.9 Calcoli e conversioni con Pure Data
IB.10 Utilizzo di array per gli inviluppi: lo Shepard tone
Lista oggetti nativi Pd, Lista oggetti della libreria Virtual Sound, Lista messaggi per oggetti specifici, Glossario

Capitolo 4T – TEORIA
SEGNALI DI CONTROLLO
CONTRATTO FORMATIVO

4.1 Segnali di controllo: il panning stereofonico
4.2 DC Offset
4.3 Segnali di controllo per la frequenza
4.4 Segnali di controllo per l’ampiezza
4.5 Modulazione del duty cycle (Pulse width modulation)
4.6 Segnali di controllo per i filtri
4.7 Altri generatori di segnali di controllo
4.8 Segnali di controllo: il panning multicanale
Concetti di base, Glossario

Capitolo 4P – PRATICA
SEGNALI DI CONTROLLO
CONTRATTO FORMATIVO

4.1 Segnali di controllo: il panning stereofonico
4.2 DC Offset
4.3 Segnali di controllo per la frequenza
4.4 Segnali di controllo per l’ampiezza
4.5 Modulazione del duty cycle (Pulse width modulation)
4.6 Segnali di controllo per i filtri
4.7 Altri generatori di segnali di controllo
4.8 Segnali di controllo: il panning multicanale
Lista oggetti nativi Pd, Lista oggetti della libreria Virtual Sound, Glossario

Bibliografia, Indice analitico

INTRODUZIONE

Questo è il primo di una serie di volumi sulla sintesi e l’elaborazione digitale del suono con Pure Data. L’opera è un adattamento della serie “Musica Elettronica e Sound Design – Teoria e Pratica con Max” di A. Cipriani e M. Giri .
Gli argomenti trattati nel presente volume sono: Introduzione alla Sintesi del Suono, Sintesi Additiva, Sintesi Sottrattiva e Filtri, Segnali di Controllo. I successivi volumi tratteranno i seguenti argomenti: Campionamento e Audio Digitale, Processori di Dinamica, Linee di Ritardo, MIDI e tempo reale, l’Arte dell’Organizzazione del Suono, Riverbero e Spazializzazione, Tecniche di Sintesi Non Lineare (come AM, FM, waveshaping e tecniche di distorsione del suono), Sintesi Granulare, Analisi e Risintesi, Modelli Fisici, Filter Design.

LIVELLO RICHIESTO
Tutti i volumi alternano parti teoriche a sezioni di pratica al computer, che vanno studiate in stretta connessione. Questo primo volume può essere utilizzato da utenti di diverso livello di preparazione.
Il livello minimo richiesto per chi inizia a studiare il Vol.1 comprende:
– i primi rudimenti di teoria musicale (note, scale, accordi etc.)
– una competenza di base nell’utilizzo di un computer (saper salvare un file, copiare, cancellare etc.).
Il testo va studiato alternando ogni capitolo di teoria a quello corrispettivo di pratica incluse le attività al computer. La parte teorica non è sostitutiva di testi teorici sulla sintesi. Si tratta, invece, di un indispensabile compendio teorico al lavoro pratico di programmazione e di invenzione di suoni al computer, ed è parte quindi di un sistema didattico organico. Il percorso di questo volume può essere svolto in auto-apprendimento oppure sotto la guida di un insegnante.

GLI ESEMPI SONORI E GLI ESEMPI INTERATTIVI
Il percorso della parte teorica è accompagnato da molti esempi interattivi reperibili sul sito. Utilizzando questi esempi, si può fare esperienza immediata del suono e della sua creazione ed elaborazione senza aver ancora affrontato alcun lavoro pratico di programmazione. In questo modo lo studio della teoria è sempre in connessione con la percezione del suono e delle sue possibili modificazioni. Far interagire per- cezione e conoscenza nello studio del sound design e della musica elettronica è stato da sempre un nostro obiettivo, e questo criterio guida l’intera opera didattica, comprensiva anche di ulteriori materiali online che verranno man mano aggiornati ed ampliati.

PURE DATA
Questo testo si basa sul volume di A. Cipriani e M. Giri “MUSICA ELETTRONICA e SOUND DESIGN – Teoria e Pratica con Max”, di cui mantiene intatta la struttura e la vocazione didattica. La parte dedicata alla pratica, in cui si esemplificano le tecniche esposte nei capitoli di teoria, fa riferimento al software Pure Data, un programma creato, al pari di Max, da Miller Puckette, e che con Max condivide l’impostazione generale e molte altre caratteristiche.
Pure Data è un linguaggio di programmazione visuale, in cui oggetti grafici vengono collegati tra loro. Tali oggetti, che possono eseguire calcoli o elaborare segnale audio, vengono connessi al fine di creare entità anche molto complesse come sintetizzatori e processori di segnale, fino ad autentici dispositivi sonori automatici.
Pure Data è un software gratuito e Open Source: può essere liberamente scaricato e utilizzato sui più diffusi sistemi operativi; è anche possibile manipolare il codice sorgente al fine di creare versioni personalizzate del programma. Queste caratteristiche hanno stimolato la nascita di una nutrita comunità di musicisti, programmatori e appassionati, cui hanno fatto seguito alcuni progetti interessanti, fra i quali spicca Pd-extended (che purtroppo non viene più aggiornato e che, prima di cessare di esistere, è stata la versione di riferimento della comunità).
Questo testo fa uso della versione originale di Pure Data (chiamata talvolta Pd-vanilla), che continua ad essere aggiornata e mantenuta dallo stesso Miller Puckette. Il vantaggio della versione vanilla è quello di garantire la compatibilità con tutte le piattaforme e soprattutto una maggiore continuità nel tempo rispetto alle versioni alternative.
Il programma, nell’edizione vanilla, contiene una libreria nativa di oggetti non molto nutrita, per cui questo testo è corredato da una libreria di abstractions (oggetti creati all’interno dell’ambiente, costituiti cioè da oggetti di Pd già esistenti) che consente di potenziare le funzionalità del programma e di facilitare la realizzazione di operazioni altrimenti difficoltose a uno stadio iniziale di apprendimento.

L’IMPOSTAZIONE DIDATTICA
Sulla base dei concetti appena esposti, abbiamo pensato di colmare il vuoto di informazione riguardante questa materia, avanzando nella direzione intrapresa da Cipriani e Bianchini con il testo “Il Suono Virtuale”, dedicato alla sintesi ed elaborazione del suono. La differenza con quel testo è grande, sia per la qualità degli esempi proposti, sia perché l’impostazione didattica è completamente diversa. Esiste pochissima bibliografia sulla metodologia didattica della musica elettronica. A questo scopo abbiamo riflettuto sulla possibilità di approfondire questa tematica e progettare finalmente un sistema didattico organico, mutuando alcune idee e tecniche dalla didattica delle lingue straniere, in modo da sviluppare una concezione più aperta e interattiva dell’insegnamento e dell’apprendimento.
Per questo abbiamo inserito, oltre agli esempi interattivi, anche contratti formativi per ogni capitolo, attività di ascolto e analisi, test, glossari, indicazioni discografiche e introduzioni storiche (online) oltre a tante altre novità contenute nei capitoli di pratica come le attività di sostituzione di parti di algoritmi, correzione, completamento e analisi di algoritmi, costruzione di nuovi algoritmi, compiti di reverse engineering (cioè, a partire dall’ascolto di un suono, cercare di inventare un algoritmo che possa creare un suono simile a quello ascoltato). Nel corso dei capitoli la presenza di tali attività viene segnalata con l’icona visibile qui a lato.
Il sistema, composto da più volumi e una sezione online è multi-piattaforma, e la teoria è costruita in modo tale da poter fare da base a possibili altri testi di pratica basati su software diversi, utilizzando lo stesso percorso didattico.

SUPPORTO

L’indirizzo della pagina di supporto è riportato nell’introduzione del libro alle pagine VIII, IX, XI
Scrivi l’indirizzo esattamente come appare nel libro. Non usare google, ma scrivi l’url direttamente nella barra indirizzi del tuo browser.